Gli aquiloni

«Forse sto facendo una stupidaggine» ammise. «Ma vuoi che te io dica? Tu hai negli occhi qualcosa del fucilato». «Accidenti!» feci io.
Rise.
«Ti ho messo paura, eh? Ma non significa necessariamente dodici pallottole nel corpo. Si può anche diventare molto vecchi così. È la polacca che ti dà quello sguardo. Non te la prendere. La rivedrai».
«Come fa a saperlo, signora Julie?»
Esitò, come se non volesse darmi un dolore.
«Sarebbe troppo bello, se tu non la rivedessi. Resterebbe tutto intatto. Ma nella vita è raro che le cose restino intatte».

[Gli aquiloni – Romain Gary]

Un commento su “Gli aquiloni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *