La passeggera del n. 54

Henri de Toulouse-Lautrec
La passeggera del n. 54
Litografia a gessetto, pennello e spruzzo

“L’amore è quando il desiderio di essere desiderato ti fa stare così male che senti di poter morire.” Così si sentiva l’artista a bordo della nave diretta a Bordeaux, quando incontrò nel 1895 “la passeggera della cabina 54” che, abbandonata la lettura, contemplava l’oceano dove navigava un battello a vapore.

Fu amore a prima vista… un vero colpo di fulmine sul ponte di una nave. Lautrec si invaghì così profondamente di quella donna che decise di proseguire il viaggio fino a Lisbona per seguire la bella passeggera che però aveva un marito ed era diretta a Dakar proprio per raggiungerlo.

L’artista non realizzò mai il suo desiderio, ma quella donna gli restò nel cuore, negli occhi e sulla tela dopo averla osservata per giorni a bordo di quella nave.

 

 

 

 

 

 

Le donne di Dudovich

[il bacio rosso di Dudovich]

Non è conosciuto da molti, eppure Marcello Dudovich è il padre del cartellonismo pubblicitario italiano. Artista poliedrico e professionista di valenza internazionale, Dudovich nasce a Trieste nel 1878.

La sua produzione artistica è principalmente legata alle grandi aziende che richiedevano di essere pubblicizzate e per loro Dudovich realizza manifesti di una freschezza e di una originalità sorprendente, vera apoteosi dello spirito della Belle Époque. 

Grande viveur e amante della vita gaudente, il suo vocabolario espressivo risente del fascino degli stilemi decorativi liberty epurati però da ogni ridondanza decorativa. Le belle donne sono senz’altro il soggetto privilegiato dei suoi manifesti: eleganti, sensuali e raffinate, ornate di ombrelli, cappelli e ventagli sono vere e proprie icone liberty. Col passare degli anni si trasformano, riflettendo l’evoluzione dei costumi e diventando via via più moderne, emancipate e sicure di se stesse. Attive nel lavoro e pronte a cimentarsi in attività fino ad allora considerate “virili”.

Le donne di Dudovich sono protagoniste assolute della scena, eppure non tolgono spazio al messaggio pubblicitario, anzi, lo esaltano con la loro grazia e la loro bellezza. Nel suo tratto si avverte la libertà di conservare la femminilità delle figure, la loro esplicita avvenenza e idealizzazione mantenendo ben salda la funzione comunicativa promozionale sempre dotata di grande chiarezza.